Zubini | Mimosa per la festa della donna: perchè?
52423
post-template-default,single,single-post,postid-52423,single-format-standard,qode-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,zubini-ver-1.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1200,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive

Mimosa per la festa della donna: perchè?

Come tutti i fiori, anche la mimosa ha un suo significato ed una storia, i quali hanno fatto in modo che essa diventasse il fiore ufficialmente regalato alle donne l’8 Marzo.

Qual’è quindi il suo significato?
Secondo gli Indiani d’America i fiori della mimosa significano forza e femminilità.
Inoltre la mimosa sboccia proprio a Marzo, mese nel quale ricade la ricorrenza della Festa della Donna, riempiendo così l’aria di dolci profumi e celebrando l’arrivo della primavera con un esplosione di allegro colore.
Cosa meglio della “celebrazione della primavera” poteva simboleggiare la donna nella sua bellezza, grazia ed eterno rifiorire, anche nelle situazioni più ardue? Anche la mimosa infatti cresce quando le condizioni climatiche sono ancora rigide, dimostrando tutta la sua forza e perseveranza.

Altro motivo per cui proprio la mimosa fu scelta come fiore simbolico per questo giorno è che era il fiore che i partigiani regalavano alle staffette: “Mi ricordava la lotta sulle montagne e poteva essere raccolto a mazzi e gratuitamente.” disse  Teresa Mattei, una ex partigiana durante la seconda guerra mondiale.

Così fu che nel 1946 l’U.D.I (Unione Donne Italiane) scelse la mimosa come fiore perfetto per simboleggiare la festa della donna: è infatti un fiore che cresce spontaneamente in molte parti d’Italia, è economico ed è facile avere un rametto piccolo da appuntare alla camicetta o alla giacca.